L'AMCI tutta è addolorata per la scomparsa di Franco PLACIDI

Nel pubblicare qui sotto l'accorato e struggente ricordo di FRANCO PLACIDI da parte del nostro Presidente Filippo  Boscia, riteniamo doveroso esprimere anche il dolore di tutti noi che lo abbiamo conosciuto ed apprezzato, per quanto ha fatto per la nostra Associazione, in tanti anni di servizio molto qualificato, sempre discreto e disinteressato per l'AMCI, e soprattutto per chi gli è stato più vicino e, in modo particolare, il nostro tesoriere Franco Splendori.

F. B.             


 

 

IL GIORNO 24 GIUGNO 2019 SI E’ SPENTA LA CARA ESISTENZA DI

FRANCO PLACIDI, SOCIO D’ONORE DELL’AMCI NAZIONALE

CONDIRETTORE, VERO ARTEFICE DELLA RIVISTA "ORIZZONTE MEDICO"

Il Presidente Boscia, profondamente colpito e addolorato, ne traccia un breve ricordo formulando alla famiglia i sensi della vicinanza di tutta l’AMCI Nazionale.

Sono ormai passati molti decenni da quando, all’indomani della istituzione (11.2.85) della Commissione Pontificia della Pastorale per gli Operatori Sanitari, successivamente diventato Pontificio Consiglio della Pastorale della Sanità, Franco Placidi lavorava alacremente al censimento a livello mondiale delle istituzioni sanitarie cattoliche.

Io ho conosciuto Franco Placidi in questa specifica circostanza, divenuta poi parte integrante della sua missione e della sua grande e propulsiva forza promozionale accanto al Cardinale Fiorenzo Angelini, al quale ha riservato totale e incondizionata fedeltà.

Una presenza e una forza, quella di Franco Placidi, che partiva da una ferma e convinta adesione al cammino proposto dalla Chiesa Italiana per rilanciare gli "stati generali" dei responsabili delle strutture sanitarie cattoliche, affinché tutte quante fossero in grado di cogliere le aspettative carismatiche per un innovativo cammino di riflessione condiviso.

"Essere consapevoli della consistenza e della diffusione capillare delle istituzioni cattoliche del mondo è stato un progetto di grandissima utilità per tutti gli operatori sanitari che professano la fede in Cristo, medico delle anime e

dei corpi! Nessun motivo di sterile fierezza, bensì massima ragionevolezza per sostenere il dovere di diventare testimoni di quella speranza della quale la Chiesa è portatrice: Testimonianza di giustizia e carità, e soprattutto dimostrazione che il servizio ai fratelli nel delicato campo della salute e della vita, è mediatore di un reale incontro e abbraccio degli individui e dei popoli nel segno della riconciliazione e della pace. Lo scriveva il compianto Card. Fiorenzo Angelini, nella prolusione di un corposo volume di circa 1000 pagine, concludendolo con un sentito e vivo ringraziamento al caro Franco per la collaborazione intelligente e per il paziente lavoro di raccolta e organizzazione dei dati che l’Ing. Franco Placidi aveva svolto con esemplare dedizione, tanto da renderlo un esemplare servizio alla vita.

Analogo ringraziamento io desidero rivolgere a Franco Placidi per il grande raffinato lavoro che lui ha svolto per l’AMCI e per la nostra rivista Orizzonte Medico.

Credo che tutti lo abbiano conosciuto e tutti si ricordano di lui: Franco era un uomo gentile, amabile, ma schivo.

Il suo studio e il suo mondo nell’AMCI era proteso a far sapere "chi siamo" e a stimolare ognuno di noi a dare risposte adatte ad un tempo nuovo.

La sua raffinatissima cultura e la sua grande esperienza lo collocano tra le persone più preziose della nostra associazione, amato ed insostituibile nella sua funzione di cardine della nostra rivista, capace di fissare lo sguardo sugli snodi più importanti della sanità in genere e della sanità cattolica in modo particolare.

Franco Placidi ha sempre aderito ad un importante cammino proponendo e rilanciando la necessità di riumanizzare una professione a volte lesa dal tarlo della disumanizzazione.

Testimone integerrimo e coerente del Vangelo, ha animato e promosso con il suo esempio e il suo coerente contributo gli studi di etica in medicina nell’ascolto ecclesiale della parola di Dio e nell’adesione al Magistero della Chiesa.

Ha incarnato nella sua vita e rafforzato nella sua leadership tutti i cardini delle azioni della nostra associazione AMCI, in riferimento alla formazione permanente in ambito etico e morale, con particolar riguardo ai temi scientifici e professionali, sottolineando sempre che l’agire più dignitoso dell’esercizio della professione medica era quella della tutela del sostegno e della vicinanza alle persone fragili e ai sofferenti.

L’Amico Franco Placidi ha certamente favorito l’evangelizzazione nel mondo sanitario testimoniando sempre con adesione i valori cristiani della vita. Ha meritato appieno l’ambita nomina di socio onorario dell’AMCI Nazionale, conferitagli in occasione del Giubileo della Misericordia nel 2017 per la sua carismatica adesione ad un rinnovato cammino di discernimento. Con grande tenacia ha sempre evidenziato la grande dimensione dell’ecclesialità, sottolineando costantemente nei suoi articoli che un modello di sanità buona è fattibile se coesistono impegno e volontà.

Oggi mi giunge la notizia del suo ritorno alla casa del Padre. Tutta l’AMCI è in lutto ed esprime un profondo dolore: è un dolore insondabile che ha bisogno di parole caute di consolazione.

A noi suoi cari amici è richiesta una grande dose di coraggio: Noi non smetteremo mai di continuare a scrivere quella storia che Franco Placidi ci ha insegnato a raccontare.

Mi piace rappresentare la morte di Franco Placidi come "una nave che si allontana verso l’orizzonte. C’è un momento in cui sparisce. Ma non crediate che non esiste più solo perché non la vediamo". Noi andremo alla ricerca della persona perduta con la nostra preghiera. La nostra compagnia vuole farsi vicinanza alla famiglia, comprensione affezionata, condivisione del dolore. Tutta l’AMCI in questo momento offre un pensiero, un canto, una preghiera, un ringraziamento, una meditazione per ricordare il coraggio, la coerenza, la cultura, la forza d’animo di Franco Placidi.

Le nostre parole e i nostri sentimenti sono di gratitudine, di dolore e di rimpianto. Se qualcuno rimarrà in silenzio è perché il suo silenzio è pieno di pensieri che rendono omaggio alla sua memoria.

Lo ricorderemo sempre con affetto per la sua affabilità, dolcezza, per la sua disponibilità e fedeltà.

Noi tutti dell’AMCI offriamo al Signore Gesù il bene da lui compiuto ed eleviamo la supplica perché si compia per lui il glorioso mistero della risurrezione.

Con questa mia, desidero unirmi al dolore della famiglia, alla moglie Mara agli amatissimi figli Federico e Fabio, ai carissimi nipoti, nel ricordo commosso di Franco, persona stupenda di straordinaria umanità e rara cultura, che ha saputo dispensare a piene mani, amore e sostegno, autenticamente cattolici a tutti coloro che hanno avuto la fortuna e la gioia di incontrarlo.

Questa mia missiva, riservata alla famiglia, viene inviata a tutti i soci AMCI, affinché nelle loro prossime riunioni diocesane diano conto dell’impegno generosamente profuso dall’Ing. Franco Placidi nell’AMCI per l’AMCI ed elevino al Signore preghiere cristiane di suffragio.

Roma, 24.6.2019

Filippo M. Boscia

Attachments:
Download this file (Placidi.jpg)Placidi.jpg[ ]154 Kb
Download this file (PLACIDI1.pdf)PLACIDI1.pdf[ ]885 Kb